“CONTESTI: clima, ambiente, risorse e calamità tra storia e futuro”

Nel ventre del Centro Internazionale di Didattica della Storia e del Patrimonio (DiPaSt)
del Dipartimento di Scienze dell’Educazione “Giovanni Maria Bertin”, Alma Mater Studiorum di Bologna, v’è già in fermento lo spirito creativo  e organizzativo per la prossima edizione della FESTA INTERNAZIONALE DELLA STORIA.

Con la preziosa collaborazione dell’associazione “Amici della Festa della Storia”, inizia a prendere forma l’itinerario della quattordicesima edizione dei fasti dedicati all’ispezione (visiva) del mondo contemporaneo, sotto la luce della memoria nell’attesa dell’avvenire.

Bologna, culla dell’evento e capofila per tradizione nel panorama europeo, accoglierà l’edizione 2017 dedicata alla relazione essere umano-terra e per questo intitolata “CONTESTI: clima, ambiente, risorse e calamità tra storia e futuro”.

La Festa Internazionale della Storia è la festa di ogni persona e di ogni disciplina, per questo tutti sono invitati a partecipare, con proposte, osservazioni, confronto e ascolto.

Ogni informazione e contatto possono essere reperiti sul sito, gli aggiornamenti più recenti sulla pagina facebook.

Di seguito potete leggere, meditare e lasciarvi ispirare da un estratto del discorso che l’Attore Leonardo Di Caprio, attivista per la salvaguardia ambientale, ha enunciato in seguito all’accordo di Parigi all’ONU.

Al prossimo aggiornamento!

m.a.s.

“L’umanità deve conoscere una seconda evoluzione , tutto è inutile se i politici torneranno a casa senza mettere in pratica quanto scritto nell’accordo di Parigi. Abbiamo tutti il dovere di proteggere la nostra terra, deve nascere una nuova coscienza collettiva(…) Il Presidente Abramo Lincoln disse – I principi di un passato tranquillo sono inadeguati davanti ad un presente burrascoso ed essendo questa una nuova situazione è necessario che anche il nostro pensiero e le nostre azioni si rinnovino, dobbiamo emancipare noi stessi e solo così salveremo il nostro mondo – . Allora parlava della schiavitù , tutti sapevano che era un problema che andava risolto ma nessuno aveva la volontà politica per farlo. E’ incredibile come le sue parole siano così cariche di verità ancora oggi quando vengono contestualizzate al problema cruciale del nostro tempo : IL CAMBIAMENTO CLIMATICO. Come ambasciatore di Pace ho girato il mondo negli ultimi due anni per documentare il modo in cui questa crisi sta modificando l’equilibrio naturale del nostro pianeta. Ho visto città come Pechino soffocate dall’inquinamento industriale , foreste boreali in Canada completamente disboscate, foreste pluviali ridotte in cenere , siccità in California e innalzamento delle acque che hanno allagato Miami. Sono rimasto sbalordito quando in Groenlandia e nell’Artico ho visto antichi ghiacciai che stanno scomparendo BEN PRIMA DI OGNI PREVISIONE SCIENTIFICA. Tutto quello che ho visto mi ha COMPLETAMENTE TERRORIZZATO Non esiste alcun dubbio a livello scientifico che tutto questo sia un diretto risultato dell’attività umana e che gli effetti del cambiamento climatico peggioreranno astronomicamente. Tutto sta accadendo più velocemente di quanto pensasse anche il più pessimista degli scienziati, è un treno fuori controllo che porta con se disastri .  Pensate alla vergogna di ognuno di noi quando i nostri figli e i nostri nipoti sapranno che noi avevamo i mezzi per evitare e fermare tutto questo, ma semplicemente non avevamo la volontà politica per farlo. Il nostro pianeta non si salverà se non lasceremo i combustibili fossili nel terreno a cui appartengono . Un cambiamento massivo è necessario ora , un cambiamento che conduca ad una nuova consapevolezza collettiva , una nuova evoluzione della razza umana ispirata e messa in pratica con un senso di urgenza da parte di tutti . Non sarà facile invertire il cambiamento climatico ma gli strumenti sono nelle nostre mani e dobbiamo usarli prima che sia troppo tardi . Questo è il momento di intervenire con decisione , in qualità di cittadini del mondo è il momento di dire basta alle chiacchiere , basta agli studi lunghi dieci anni, basta alle aziende di combustibili fossili che manipolano la scienza e le politiche economiche che incidono sul nostro futuro. Le parole di Lincoln risuonano oggi nelle nostra mente ” L’ardua prova che affronteremo ci immortalerà, sarà nostro dovere salvare con onore o perdere con viltà . L’ultima e più grande speranza della Terra .”

Annunci

Informazioni su festainternazionaledellastoria

Promossa dal Laboratorio Multidisciplinare di Ricerca Storica e dal Centro Internazionale di Didattica della Storia e del Patrimonio dell’Università di Bologna Missione Promuovere la conoscenza della Storia per esserne eredi e protagonisti nel presente e nel futuro Descrizione La Festa Internazionale della Storia è una poliedrica manifestazione attivata da un’ampia rete di soggetti che si uniscono per promuovere e diffondere la conoscenza della storia. Si svolge ogni anno con eventi che si tengono prevalentemente nella terza settimana di ottobre - quest’anno tra il 19 2 il 27 - in palazzi, piazze, strade, chiese, chiostri, teatri e musei di Bologna, di centri del suo territorio e di numerose città della Regione Emilia - Romagna. Scaturisce dalla collaborazione tra docenti universitari, insegnanti ed enti culturali, accomunati dall’intento di tutelare e valorizzare del patrimonio storico artistico. I temi che si affrontano non hanno confini né limiti di tempo e sono preferibilmente presentati attraverso aspetti che li rendono più gradevoli e percepibili: la musica, l’arte, il teatro, l’alimentazione, lo sport, la moda, la religione, la politica, la tecnologia. In tal modo le varie iniziative assumono notevole attrattiva e capacità di richiamo e spaziano dalla dimensione locale a quella internazionale.A caratterizzarla è inoltre la presenza attiva di studenti di ogni ordine e grado, che partecipando a convegni e incontri con studiosi di fama internazionale, hanno occasione di esporre i risultati delle loro ricerche. Non si tratta dunque di una semplice rassegna di eventi, ma di una “festa” nel vero senso del termine, perché vede convergere tante componenti della società in un incontro tra storia locale e universale teso al rispetto del patrimonio storico e ad una maggiore consapevolezza sulle radici e le premesse delle grandi questioni dell’attualità. Ha riscosso fin dalla prima edizione e in tutte quelle successive il pieno consenso delle massime autorità civili e religiose e degli enti locali territoriali preposti alla cultura e all’istruzione. Tra i riconoscimenti più prestigiosi, ha ricevuto i premi speciali e gli Alti Patronati dei Presidenti della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi e Giorgio Napolitano, nonché i patrocini dei Presidenti di Senato e della Camera dei Deputati, dei Ministri dell’Istruzione e dei Beni Culturali, dei Presidenti e degli Assessori della Regione e delle Provincie e dei Sindaci e Assessori dei Comuni coinvolti.
Questa voce è stata pubblicata in Aspettando la festa.... Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...