DUE APPUNTAMENTI PER MARTEDI’ 29 NOVEMBRE

BOLOGNA

PALAZZO D’ACCURSIO
Cappella Farnese
Piazza Maggiore,

Ore 17.00

Politica giustizia a Bologna nel tardo Medioevo. Presentazione del volume (Viella, 2016) di Sarah Rubin Blanshei. Traduzione e cura di Massimo Giansante.

Introduzione di  Rolando Dondarini. Ne discutono Massimo Vallerani e Massimo Giansante. Sarà presente l’autrice.


CASTEL SAN PIETRO TERME (BO)

SALA COMUNALE SASSI
Via F.lli Cervi, 3

Ore 20.30

Quando a Castello si parlava etrusco – l’insediamento villanoviano di Orto Granara – cronaca dello scavo. Conferenza.

Presentazione dei filmati relativi agli scavi di Orto Granara. Interventi di Giorgia Bottazzi ed Eolo Zuppiroli.
A cura dell’Associazione Terra Storia Memoria.


BOLOGNA: 

EVENTO RINVIATO A DATA DA DESTINARSI

SALA CONFERENZE DEL MAMbo
Via Don Giovanni Minzoni, 14

Ore 9.00-13.00

Genere e organizzazione: innovazioni organizzative di genere durante la segreteria di Luciano Lama. Convegno storico.

Introduce Anna Salfi. Interventi di Edmondo Montali: Il profilo della Segreteria di Luciano Lama: l’uomo e la fase politica e sindacale dentro e fuori la CGIL; Gloria Chianese: Il contesto delle lotte femminili durante la Segreteria di Luciano Lama; Elda Guerra: Il femminismo sindacale in CGIL, profili politici e organizzativi – il contributo delle donne di Bologna e dell’Emilia Romagna al nuovo assetto organizzativo delle Donne CGIL; Eloisa Betti: Vite e biografie delle donne in CGIL in un cammino lungo un secolo.
Presiede Fiorenza Tarozzi.

Ore 14.30-17.00

“Nostra patria è il mondo intero”. Confini, frontiere, opportunità per le politiche di genere di oggi e di domani. Tavola rotonda con la partecipazione di Susanna Camusso.
A cura della Fondazione Argentina Bonetti Altobelli in collaborazione con la Fondazione Giuseppe Di Vittorio, l’Aps. Paolo Pedrelli di Bologna e la CGIL Emilia Romagna.


 

Annunci

Informazioni su festainternazionaledellastoria

Promossa dal Laboratorio Multidisciplinare di Ricerca Storica e dal Centro Internazionale di Didattica della Storia e del Patrimonio dell’Università di Bologna Missione Promuovere la conoscenza della Storia per esserne eredi e protagonisti nel presente e nel futuro Descrizione La Festa Internazionale della Storia è una poliedrica manifestazione attivata da un’ampia rete di soggetti che si uniscono per promuovere e diffondere la conoscenza della storia. Si svolge ogni anno con eventi che si tengono prevalentemente nella terza settimana di ottobre - quest’anno tra il 19 2 il 27 - in palazzi, piazze, strade, chiese, chiostri, teatri e musei di Bologna, di centri del suo territorio e di numerose città della Regione Emilia - Romagna. Scaturisce dalla collaborazione tra docenti universitari, insegnanti ed enti culturali, accomunati dall’intento di tutelare e valorizzare del patrimonio storico artistico. I temi che si affrontano non hanno confini né limiti di tempo e sono preferibilmente presentati attraverso aspetti che li rendono più gradevoli e percepibili: la musica, l’arte, il teatro, l’alimentazione, lo sport, la moda, la religione, la politica, la tecnologia. In tal modo le varie iniziative assumono notevole attrattiva e capacità di richiamo e spaziano dalla dimensione locale a quella internazionale.A caratterizzarla è inoltre la presenza attiva di studenti di ogni ordine e grado, che partecipando a convegni e incontri con studiosi di fama internazionale, hanno occasione di esporre i risultati delle loro ricerche. Non si tratta dunque di una semplice rassegna di eventi, ma di una “festa” nel vero senso del termine, perché vede convergere tante componenti della società in un incontro tra storia locale e universale teso al rispetto del patrimonio storico e ad una maggiore consapevolezza sulle radici e le premesse delle grandi questioni dell’attualità. Ha riscosso fin dalla prima edizione e in tutte quelle successive il pieno consenso delle massime autorità civili e religiose e degli enti locali territoriali preposti alla cultura e all’istruzione. Tra i riconoscimenti più prestigiosi, ha ricevuto i premi speciali e gli Alti Patronati dei Presidenti della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi e Giorgio Napolitano, nonché i patrocini dei Presidenti di Senato e della Camera dei Deputati, dei Ministri dell’Istruzione e dei Beni Culturali, dei Presidenti e degli Assessori della Regione e delle Provincie e dei Sindaci e Assessori dei Comuni coinvolti.
Questa voce è stata pubblicata in Aspettando la festa.... Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...